L'Interazione Tra Uomo E Cristallo | Introduzione alla Cristalloterapia

di Chiara Landi @la_bancarella_olistica


In tempi dove tutto scorre veloce fermarsi ad ammirare un cristallo, le sue venature, i riflessi, l'energia che sprigiona, è forse un lusso.



Ne abbiamo tanto bisogno, oggi più che mai: riconciliarci con noi stessi, con il nostro io più nascosto, più vero, che ci sussurra lievemente la strada migliore da percorrere. Pietre e cristalli sono come il silenzio: ti aiutano a percepire la tua voce interiore, la tua libertà di persona in grado di essere svincolata da situazioni e circostanze.


In cristalloterapia andiamo proprio a lavorare su questo scambio energetico, sull'interazione che avviene tra noi e la pietra che utilizziamo.


Ogni corpo,  animato e non,  emette vibrazioni soprattutto se in esso é racchiusa l'energia della madre terra: il processo litogenetico che forma un cristallo puó variare, cosí come la struttura cristallina che lo compone.


In virtù della loro perfezione chimica e geometrica i cristalli emettono un'energia molto più potente delle mere pietre.


In cristalloterapia rivestono un'importanza notevole i quarzi come il cristallo di rocca, (anche detto quarzo ialino), il quarzo rosa, l'ametista o l'avventurina: essi hanno la capacità di assorbire la nostra energia e quella dell'ambiente e trasformarla, alzando il livello e la qualità delle vibrazioni.



Le applicazioni di queste meravigliose creature del regno minerale sono pertanto molteplici: gioielli (braccialetti, collane, anelli, ciondoli) da posizionare all'altezza dei vari punti energetici che vogliamo riequilibrare, druse e pietre grezze da collocare negli ambienti per armonizzare la nostra casa o il nostro ufficio, piccoli cristalli burattati da posizionare vicino al nostro letto per ottenere un effetto calmante.


Tormalina nera e Shungite hanno, per esempio,  la capacità di assorbire le onde elettromagnetiche degli apparecchi cellulari, che in tempi di 5G credo siano delle qualità molto preziose.


A livello psichico il cristallo agisce molto profondamente sulla persona: chi lo utilizza, anche solo come portafortuna, trasferirà i suoi intenti sulla pietra e automaticamente si stabilirá un legame unico, nel quale il cristallo potrà fare da supporto in alcune situazioni della vita quotidiana.


Attraverso i cristalli e la loro varietà cromatico - vibrazionali é possibile creare una corrispondenza con i nostri punti energetici, i chakra, facilitando la purificazione dell' aura e il benessere psico-fisico.


I cristalli prima del loro utilizzo devono essere purificati dalle energie congeste che possono aver assorbito prima di giungere a noi: acqua corrente, sale, fumigazione con incenso naturale o palo santo, luce lunare sono alcune tecniche semplici da poter applicare che andremo ad approfondire insieme.


Vorrei concludere questa piccola premessa sulla cristalloterapia con una frase poetica di Fabrizio Caramagna che ho utilizzato nei primissimi post del mio account Instagram e che mi ha portato fortuna:

"Se potessi entrare per qualche istante nel regno minerale. Mi vestirei con sobrietà al matrimonio delle pietre, scivolerei dentro la clessidra insieme ai granelli di sabbia, imparerei dalla roccia a stare imperturbabile sotto il sole e la pioggia, ammirerei la luce del diamante. Ma una cosa vorrei fare più di tutte: incontrare la grafite e chiederle quali sono le parole più belle che sono passate sotto la sua matita".




Buona giornata amici, vi abbraccio tutti


Chiara

Dai, scrivici! Hai qualche richiesta, curiosità, o bisogno di un consiglio? Digita il tuo messaggio qui sotto!

© 2023 by Train of Thoughts. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now